Benvenuti nel sito dell'

INTERGRUPPO PARLAMENTARE INTERPARTITICO PER L'EUROPA

Questo sito non utilizza cookie.

Avviare anche in Italia un confronto
sulla modifica dei Trattati UE

Bandiere

L’Unione europea sta vivendo un momento decisivo per il suo futuro, in cui dovrà dimostrare di essere all’altezza delle molteplici sfide poste dal nuovo quadro globale, che vanno dalla questione della sicurezza, ai cambiamenti climatici, alla corsa alle nuove tecnologie, alla gestione dei movimenti migratori, all'allargamento ai Paesi dell'Est-Europa. Per questo è urgente che rafforzi la sua unità politica e riformi il suo sistema decisionale.

Il Parlamento europeo, consapevole di rappresentare gli interessi dei cittadini europei al di là delle divisioni nazionali, si appresta a fare un passaggio chiave per poter rilanciare, ad un anno di distanza dalla risoluzione approvata nel giugno 2022, la richiesta per l’avvio di una Convenzione (ex. Art.48 TUE) per discutere la riforma dei Trattati. In queste settimane sta finalizzando il rapporto elaborato dalla Commissione Affari Costituzionali che riprende le conclusioni sulla Conferenza sul futuro dell’Europa e ipotizzando coerentemente alcune riforme cruciali dei Trattati europei. Dopo il voto in plenaria, previsto per il prossimo ottobre, la decisione di accettare la richiesta e avviare il processo passerà ai Governi, che dovranno decidere a maggioranza semplice.

In questo quadro, il ruolo di un Paese fondatore e importante come l’Italia resta cruciale, ed è interesse profondo della nostra comunità nazionale sostenere con convinzione un confronto sulla riforma dei meccanismi istituzionali europei.

Da qui nasce la decisione di alcuni parlamentari italiani di promuovere con il supporto del Movimento federalista europeo la costituzione di un Intergruppo parlamentare interpartitico per l’Europa, col compito di avviare in Parlamento il dibattito sull’iniziativa del Parlamento europeo e mobilitarlo a sostegno della Convenzione e dell’unione politica dell’UE.

L’Intergruppo sarà costituito ufficialmente alla ripresa dei lavori del Parlamento dopo la pausa estiva.

NOTIZIE

Pagina 1

L'AFCO ha approvato a larghissima maggioranza il Rapporto per le riforma dei Trattati

Doménec Ruiz Devesa

Il Rapporto dovrà ora essere approvato dal Parlamento Europeo nella riunione plenaria a fine novembre.


Presentato alla Commissione affari costituzionali del Parlamento Europeo il Rapporto sulla riforma dei Trattati UE

Commissione Affari costituzionali del PE

Il rapporto presentato dai relatori segue le raccomandazioni della Conferenza sul futuro dell'Europa e propone un'Unione europea più efficiente, democratica e ambiziosa.


Prime adesioni all'Intergruppo parlamentare per l'Europa

Bandiere EU e Italia

Il Presidente e il Segretario del MFE hanno inviato una lettera ai Parlamentari di tutti i partiti per invitarli ad ederire all'Intergruppo per l'Europa che è in fase di costituzione al Parlamento.


I principali gruppi politici europei per l'avvio di una convenzione costituzionale

Intergruppo parlamentare per l'Europa

Alla Commissione affari costituzionali del PE, i principali gruppi politici che fanno capo all’attuale maggioranza hanno confermato di aver trovato un accordo su un testo con le proposte di riforma dei Trattati che risponde alle richieste dei cittadini sintetizzate nelle conclusioni della Conferenza sul futuro dell’Europa.


Verso un'Unione europea politica più vicina ai cittadini? L’interesse europeo dell’Italia di fronte alle sfide politiche ed economiche del nuovo quadro internazionale

Convegno presso la Camera dei Deputati
Convegno alla Camera

Al convegno, co-organizzato dall'on. Bruno tabacci e dal Movimento federalista europeo, si è discusso delle proposte di riforma dell'Unione europea e del ruolo che compete all'Italia nel processo avviato con la Conferenza sul futuro dell'Europa e con la richiesta del Parlamento euopeo di una Convenzione per la riforma dei Trattati UE.



Contatti

Email: mfe@mfe.it


I campi * sono necessari


Sottoscrivi la newsletter

Inviando la richiesta si accetta la normativa sulla privacy della newsletter.
Tutti i campi sono necessari